Navigazione veloce

Criteri per la formazione delle classi e delle sezioni

Criteri per la formazione delle classi nei tre ordini di scuole.

Istituto Comprensivo “Paesi Retici” di Sondrio
Via don Lucchinetti, 3 – 23100 Sondrio
p.e.c. soic82000g@pec.istruzione.it


CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI O DELLE SEZIONI

Scuola dell’infanzia

Le sezioni sono formate suddividendo i bambini nuovi iscritti tra le sezioni in modo che esse risultino equamente composte di maschi e di femmine, di nati nello stesso anno e mese, di bambini con fratelli nella stessa scuola, di bambini che abbiano frequentato un asilo nido, di bambini provenienti da paesi e culture diverse.
In presenza di due sole sezioni, la ripartizione dei bambini può essere disposta su proposta delle insegnanti dopo un mese di osservazione diretta dei soggetti e, quando possibile, rispettando i criteri sopra indicati.
I bambini già frequentanti nell’anno scolastico precedente sono confermati nelle sezioni di appartenenza, salvo diversa proposta presentata al Dirigente scolastico dalle insegnanti delle sezioni interessate.
Eventuali richieste dei genitori in merito all’inserimento in una specifica sezione, potranno essere accolte solo se non ne condizioneranno l’equilibrio garantito dai criteri sopra indicati.
In seguito a possibili trasferimenti o nuove iscrizioni ci si riserva nei primi 15 giorni del mese di settembre di modificare la composizione delle sezioni al fine di formare gruppi-sezione eterogenei al loro interno ed omogenei fra loro.
Per motivi didattici e per garantire il benessere dei bambini, possono essere disposti dal dirigente scolastico spostamenti  da una sezione all’altra anche in corso d’anno.

Scuola primaria

Le classi prime sono formate sulla base della richiesta di tempo pieno o di tempo normale; nel caso si debbano formare più classi con lo stesso tempo scolastico, si effettua la ripartizione degli alunni tra le sezioni tenendo conto delle informazioni date dalla scuola dell’infanzia di provenienza, dividendo equamente i maschi e le femmine, i bambini provenienti dalla stessa scuola dell’infanzia, i fratelli, e i bambini provenienti da paesi e culture diverse; il gruppo di bambini provenienti dalla stessa scuola dell’infanzia, se esiguo, è inserito nella stessa sezione se non siano state accertate incompatibilità.
Nel corso del quinquennio le classi organizzate con le stesse modalità di tempo possono essere modificate nella loro composizione, sulla base delle proposte presentate al Dirigente scolastico dai docenti interessati di uno stesso plesso e sono formate in modo che :

a) le singole sezioni siano composte dallo stesso numero di alunni sia maschi sia femmine;

b) siano assegnati a sezioni diverse i bambini dichiarati incompatibili dalla scuola dell’infanzia di provenienza;

c) siano suddivisi in parti uguali i bambini con difficoltà segnalate dalla scuola dell’infanzia, quelli provenienti dalla stessa scuola dell’infanzia se in numero maggiore di 3 e quelli che non abbiano frequentato alcuna scuola dell’infanzia;

A parità di requisiti vale il criterio del sorteggio

Scuola secondaria

Al fine della formazione di classi eterogenee al loro interno ed omogenee tra loro valgono i seguenti criteri:

  1. formazione di classi equilibrate relativamente alla consistenza numerica degli allievi, alle problematiche evolutive e/o alle situazioni di svantaggio socio-culturale, alla presenza di alunni con handicap o con DSA, ripetenti o di recente immigrazione alfabetizzati/non ancora alfabetizzati;
  2. l’inserimento di alunni con bisogni educativi speciali (BES) tenendo conto di eventuali indicazioni delle scuole di provenienza o degli operatori della NPI;
  3. formazione delle classi di strumento, fatta salva la priorità del criterio di eterogeneità, laddove sarà possibile si formerà una classe dedicata; in alternativa si creeranno gruppi omogenei per strumento distribuiti su due classi prime, se ciò non comporterà la concentrazione di un numero elevato di eccellenze o di alunni con difficoltà.
  4. rispetto di tali criteri anche per inserimenti successivi o in corso d’anno.

Eventuali richieste delle famiglie in merito alla presenza di un compagno nella stessa classe sono accolte solo se coerenti con le informazioni della scuola di provenienza e solo se non condizionano l’equilibrio delle future classi.
È possibile richiedere la sezione frequentata da un fratello, in tal caso potrebbe non essere accolta la richiesta di scelta di un compagno.
La commissione preposta formula al Dirigente Scolastico la proposta della configurazione delle classi definita secondo i criteri generali; il Dirigente Scolastico attribuisce la sezione alla classe e pubblica gli elenchi all’Albo dell’Istituto nella prima settimana di luglio. Non si darà seguito a richieste di modifica che perverranno, a tutela e garanzia dell’applicazione dei criteri utilizzati e del lavoro svolto dalla commissione.

Delibera Consiglio d’Istituto n. 24/29.05.2013

 

 

 

Non è possibile inserire commenti.